Polimnia

Polimnia
Oriente e Occidente si sono sempre scontrati fin dalla notte dei tempi. Nell'agosto del 490 a.C. Dario, il re dei Persiani, tenta di invadere la Grecia ma subisce una sconfitta bruciante in quel di Maratona. Il vincitore risulta quindi essere Milziade, l'abile stratega ateniese che con soli diecimila soldati riesce a respingere l'assalto dei trentamila invasori. Sparta però dov'era? L'onore dei Lacedemoni fu macchiato con la scusa di una festa dedicata al dio Apollo. Per motivi di politica interna Sparta infatti decise di desistere e non scendere in campo. L'onta verrà lavata però appena dieci anni dopo, nel 480 a.C., quando è invece il figlio di Dario, Serse, a tentare l'impresa della conquista dell'Ellade. Intanto tra le fila dei Lacedemoni Orsifanto è morto, Dienece non si dimostra all'altezza della tradizione spartana e così sale sul trono il grande Leonida. È il tempo della grande battaglia delle Termopili, è il tempo dei trecento eroi...
Il romanzo storico ha da sempre un posto particolare nel cuore dei lettori italiani. Ne è una prova concreta, ad esempio, il grande successo riscosso dalle opere di Valerio Massimo Manfredi. Il genere però è parecchio impegnativo poiché, ogni volta che ci si cimenta con le storie del passato, sono necessarie grande dedizione e soprattutto grande cura. Il giovane scrittore siciliano (ma abruzzese di adozione) Alessandro Cortese sembra proprio possederle e entrambe e questo Polimnia rappresenta un fulgido esempio di queste qualità. Dopo Eden e Ad lucem l'autore si è cimentato con la storia complessa di una nazione inizialmente frammentata  ma poi unita e compatta contro il nemico, incarnando così il vero senso di Patria. Il suo stile però si discosta molto da quello classico del romanzo storico e si avvicina per certi versi a quello teatrale, grazie alla moltitudine di co-protagonisti presenti nel romanzo. L'ispirazione è certo quella di Erodoto e delle sue Storie sulle guerre persiane ma, negli intrighi di palazzo d'oriente troviamo addirittura echi de Le mille e una notte. Un racconto corale che trasuda di amore per il classico questo romanzo dipanato su trent'anni di storia e destinato ad appassionare gli aficionados del genere ma non solo. Nota a margine: il libro esce in concomitanza con la pellicola cinematografica 300 – L'alba di un impero diretta da Noam Murro, con un piacevole effetto di ridondanza.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER