A proposito di Mister B.

A proposito di Mister B.

Citazioni e appunti riepilogativi delle gesta del Cavaliere, atti a dimostrare come un personaggio pubblico con le sue proprietà e i suoi trascorsi non potrebbe, in un paese che si consideri democratico, essere a capo di un governo. Un insieme di piccoli post-it e promemoria sulle ere berlusconiane passate e su quella in corso, con raffronti sulle sue dichiarazioni, contraddizioni, gaffe e rapporti con personaggi legati alla mafia, senza tralasciare l’appartenenza alla P2, il conflitto d’interessi, le leggi ad personam e un confronto con un’opposizione spesso scialba e accondiscendente…
Un piccolo libricino che raccoglie i difetti e le arroganze di un personaggio pubblico dal talento indiscutibile, usato però unicamente per produrre ricchezza personale anche tramite leggi create su misura. Silvio Berlusconi è certo una persona dall’ego smisurato, spavaldo e astuto, che ha saputo radunare attorno a sé una cricca di persone probabilmente meno coraggiose, ma sicuramente altrettanto spregiudicate. Se una scalata tanto fulgida e preziosa può essere compresa ed ammirata nell’ambito imprenditoriale e privato, la stessa via dorata stride e spaventa se si considera che viene percorsa da un capo del governo, che assicura ai suoi sudditi i benefici in cambio di ossequi e silenzi. L’Italia è capace di grandi imprese, come evidentemente le grandi imprese sono capaci di obbligare l’Italia a scegliere una via a loro più conveniente, a discapito della collettività. Il dato di fatto che intristisce, però - e che non è proprio solo di questo libricino - è la constatazione che oggi la politica non è più l’amministrazione e la guida di una società per il bene di tutti, ma è uno strumento utile ai pochi per amministrare gli interessi di alcune parti della società a svantaggio di altre. Le poche persone motivate vengono soffocate o relegate e fiaccate da una burocrazia fatta sopravvivere ad arte. Silvio Berlusconi, eletto dalla maggioranza degli italiani, evidentemente sa giostrare e comandare quel che basta per proseguire indisturbato, senza che oppositori intelligenti e altrettanto coraggiosi sappiano contrastare, dimostrare e convincere loro stessi e poi gli altri.


0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER