Quella sera dorata

Quella sera dorata
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Il defunto Jules Gund è stato uno scrittore. Fuggito dalla Germania hitleriana a causa delle sue origini ebraiche, Gund è sempre vissuto ad Ochos Rios, una fattoria sperduta nella pampa in Uruguay, e lì ha scritto un romanzo memorabile e di successo, per poi provare nei successivi vent'anni a scriverne un altro, fallendo sempre miseramente, finché un brutto giorno non si è inoltrato nel bosco e si è sparato un colpo in testa. Gund ha lasciato a Ochos Rios una moglie, Caroline, un'amante, Arden, e una figlia di 8 anni, Porzia, che convivono in uno strano equilibrio. Poco più lontano abita anche suo fratello Adam, che vive con il suo compagno Pete, un ragazzo di origine thailandese molto più giovane di lui. Caroline, Arden e Adam sono gli esecutori testamentari di Jules Gund, e quando da parte di un dottorando della University of Kansas, Omar Razaghi, arriva una richiesta di autorizzazione a scrivere una biografia di Gund, i tre decidono di rifiutare, timorosi (anche) che la biografia porti a galla gli aspetti meno piacevoli dei loro contorti rapporti familiari. Ma Razaghi non può certo arrendersi così facilmente, perché ha già intascato la borsa di studio destinata alla scrittura di questa biografia, e - spinto dalla sua ragazza Deirdree, assai scontenta di lui - parte per l'Uruguay. La sua missione: convincere Caroline, Arden e Adam a dare il loro benestare. Costi quel che costi...
Ironico, sognante, molto 'parlato' e teatrale, il romanzo di Cameron ha la leggerezza e la luminosità di un Sogno di una notte di mezza estate trapiantato nella pampa uruguagia. Come nella commedia shakespeariana Cameron proietta i suoi personaggi su uno sfondo incantato, li rinchiude in uno spazio circoscritto, evidenziandone in questo modo ancora di più il profilo e studiandone le caratteristiche con l'occhio dell'entomologo: e sotto il vetrino di Cameron i personaggi sono tutti senza eccezioni costretti a ridefinire i confini delle loro relazioni e delle loro vite. Non stupisce affatto che Quella sera dorata (a proposito, perché modificare così radicalmente il titolo originale The City of Your Final Destination?), col suo charme, la sua andatura languida e sensuale e il suo stile melanconico, sofisticato, romanticamente retrò, stia per diventare un film diretto da James Ivory.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER