Questo buio feroce

Questo buio feroce
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Quando anche respirare diventa difficile e l'asfissia non passa e c'è un capogiro inquietante e dentro – come per un meccanismo che smette di funzionare – rimbomba il silenzio, Harold Brodkey si ritrova a dire “Meglio andare all'ospedale.” È allora che inizia la sua morte, e la diagnosi è come uno sgambetto imprevedibile: AIDS. Un tempo si pensava che per esser liberi dal contagio bastassero cinque anni senza sintomi, ma il caso di Brodkey è diverso: le sue esperienze a rischio risalgono a vent'anni fa. Harold: “Non ci credo”. Il medico: “Credimi”. Si cercherà allora di razionalizzare: “Si tratta solo di morire”; bisogna solo provare a capire chi sei mentre “questo buio feroce” inghiotte pezzi della propria identità. Harold Brodkey alla fine lo sa: anche se per assurdo fosse possibile, non rinuncerebbe mai alla scrittura per poter guarire dalla malattia...
Pubblicato per la prima volta per Rizzoli nel 1999 e ristampato ora per Fandango, Questo buio feroce è il racconto, autentico e lirico assieme, degli ultimi anni di vita di Harold Brodkey –  scrittore di successo, autore più volte disapprovato, essere umano. Per evitare critiche e pregiudizi, il medico gli suggerisce di non rendere pubblica la sua malattia. Brodkey però sceglie di parlarne: “Preferisco essere franco sull'AIDS e farmi beffe dell'umiliazione pubblica, piuttosto che provare la reale umiliazione della menzogna”. Allora in modo onesto, senza darsi né colpe né meriti, lo scrittore rivela la sua storia, racconta aneddoti come uomo e come artista, ammette sofferenze ed errori di valutazione, divulga piccole e grandi conquiste e diventa così una sorta di esempio per chi soffre dello stesso male o per chiunque debba fronteggiare un imprevisto. Brodkey è morto nel 1996, l'anno a partire dal quale grazie alla scoperta di nuove classi di farmaci e all'introduzione di terapie combinate la speranza di vita per i pazienti affetti da HIV è aumentata in modo considerevole. A quasi vent'anni di distanza però il problema non è certo superato: secondo il rapporto 2013 dell'Unaids infatti la pandemia che fa più vittime nel mondo è proprio l'AIDS e l'infezione da HIV continua a diffondersi. Con quest'opera sempre attuale e importante, Harold Brodkey punta un raggio di luce contro la ferocia del buio e dell'ignoranza e ne palesa alcuni lineamenti: per quanto la vista sia spiacevole, distogliere gli occhi sarebbe sbagliato.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER