Rimedi sciamanici

Rimedi sciamanici

A nord del territorio di Oaxaca, in Messico, si estende la Sierra Norte di Oaxaca, un’area tra le più ricche in biodiversità ed ecosistemi dell’intero Paese. La cultura originaria delle popolazioni zapoteche, la lingua, il rispetto delle risorse naturali, l’integrazione e la valorizzazione degli antichi saperi, trasferisce di generazione in generazione la saggezza sull’utilizzo delle piante officinali e antiche tecniche terapeutiche. Le foreste tropicali secche alla base delle montagne, i boschi di querce, pini e abeti, le foreste pluviali sul versante orientale e quelle tropicali umide: in questo luogo unico al mondo si uniscono la regione Neoartica e quella Neotropicale e proprio per questo vi abitano otto dei nove tipi di vegetazione presenti in tutto il pianeta, oltre seimila specie di piante, più di quattrocento specie di uccelli e trecentocinquanta di farfalle. Per gli zapotechi la vita degli esseri umani è determinata dallo scontro tra il mondo materiale e quello dell’invisibile e colui che è in grado di governare queste forze è chiamato curandero. I curanderos sono non solo guaritori, ma anche guardiani della tradizione, tramandano i loro segreti sulla medicina tradizionale, ma anche sulla preparazione, conservazione e somministrazione dei prodotti erboristici…

E una curandera era Pilar, che l’autrice di questo piccolo volume, Manuela Tarsi, psicologa e antropologa visuale, ha incontrato nel gennaio del 2010. La sciamana le ha aperto le porte della sua casa confessandole che la stava aspettando e la loro convivenza andrà avanti per oltre un anno e mezzo. Un lungo periodo in cui Manuela ha imparato a riconoscere ed utilizzare le piante medicinali, ma anche a comprendere l’importanza della preghiera, della meditazione, del sogno. Ha imparato il significato della malattia, la concezione del mondo di una saggezza ancestrale profonda. Nel 2014 è tornata a Latuvi ed è riuscita a realizzare un documentario etnografico intitolato Pilar, historia de una curandera. Questo breve saggio racchiude non solo la bellissima storia dell’incontro tra Pilar e Manuela, ma anche ricette medicinali della cultura zapoteca che è possibile anche per noi preparare in casa sotto forma di infusi, decotti, impacchi, cataplasmi, per alleviare piccoli disturbi, ma anche per tornare a guardare alla natura con il rispetto e l’attenzione che merita.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER