Rispondi se mi senti

Rispondi se mi senti

Svezia centrale, contea del Värmland, cittadina di Uvanå. Pär e Bodil Sanner stanno facendo colazione con loro figlia, Alva. È mattino presto, ma non importa: da due giorni è iniziata la caccia delle alci. Bodil rimarrà a casa, Alva, incredibilmente, ha deciso di fare compagnia a suo padre Pär. Il ritrovo è uno spiazzo dietro il capanno della macellazione della carne, sul limitare del lago. Pär ed Alva sono gli ultimi ad arrivare: Petra, Frans, Femke, Janke, Ulf, Oliver, Janet, Klas, Peo, Ernst, Henrik e Waldemar sono già lì: finalmente la squadra di caccia è al completo, si può partire. Tutti raggiungono i rispettivi appostamenti, estratti a sorte. Pochi minuti dopo si sente uno sparo: un’alce è stata abbattuta, il cacciatore si fa riconoscere tramite radio e riceve i complimenti da parte degli altri. Lo stesso copione si ripresenta dopo un quarto d’ora, con una lieve eccezione: questa volta nessun alce abbattuta, né l’autore dello sparo si identifica, malgrado le domande dei suoi compagni. Qualche ora più tardi sono tutti dove si sono ritrovati la mattina. Tutti, tranne Pär ed Alva. Nessuno ammette di aver sparato, anzi qualcuno sostiene anche di non aver sentito il secondo sparo. Altri ancora pensando che il secondo sparo abbia avuto un suono diverso. Pär ed Alva, tuttavia, continuano a non tornare, né rispondono al cellulare. La loro macchina è all’inizio del sentiero per il quale la mattina si sono inoltrati nei boschi. I compagni si addentrano nei boschi per andarli a cercare, raggiungendo l’appostamento 224, quello di Pär ed Alva. Pär è a terra, morto, con la faccia sfigurata da uno sparo. Di Alva, invece, nessuna traccia...

Rispondi se mi senti è il terzo volume della serie che ha come protagoniste il capo della polizia di Hagfors, Petra Wilander, e la giornalista Magdalena Hansson. La serie è interamente ambientata nella contea del Värmland (contea da cui proviene anche l’autrice, Ninni Schulman) e conta, fino ad ora, cinque libri, ma solo i primi tre – La bambina con la neve tra i capelli, Il ragazzo che smise di piangere e, appunto, Rispondi se mi senti – sono stati tradotti in italiano. Come la celeberrima connazionale Camilla Läckberg, anche Ninni Schulman punta moltissimo sull’accoppiata giornalista-poliziotto/a: per molti aspetti infatti Magdalena Hansson assomiglia molto ad Erica Falck (ok, Erica Falck è in realtà una scrittrice ed il suo spessore morale, la sua caratterizzazione sono di gran lunga superiori, ma ci siamo intesi, no?): intraprendente, spigliata, intelligente e chi più ne ha più ne metta, mette il naso dove non dovrebbe e alla fine, incredibile ma vero, risolve anche il caso. Queste accoppiate, a quanto pare, funzionano eccome: se infatti la fortuna letteraria della Läckberg è sotto gli occhi di tutti, la serie della Schulman è divenuta un bestseller in Scandinavia, in attesa di probabili successi internazionali. Personaggi ambigui, antiche dispute familiari, tradimenti, bambini adottati, incidenti d’auto, uccisioni di animali, storie d’amore mai sopite: il contorno di questo giallo è servito. La portata principale è da divorare velocemente: si digerisce che è una meraviglia.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER