Scontro frontale

Istanbul. Cinque uomini sono in missione. Cinque americani: John Clark, Domingo “Ding” Chavez, Dominic Caruso, Sam Driscoll e Jack Ryan Junior, figlio del presidente degli Stati Uniti Jack Ryan. Sono agenti operativi del “Campus”, agenzia di spionaggio clandestina fortemente voluta dal presidente durante il suo primo mandato. La loro missione a Istanbul è semplice: devono eliminare cinque ex agenti dei servizi segreti libici, custodi di segreti che potrebbero mettere a repentaglio l’equilibrio dell’Occidente e colpevoli della morte di Brian Caruso, un altro agente del Campus. Tutto sembra filare liscio, quando Ryan Junior si rende conto che le loro azioni sono state filmate: qualcuno è sulle loro tracce. Qualcuno molto potente che sembra avere il controllo delle reti informatiche di tutto il mondo. Nel frattempo la situazione nel Mar Cinese Meridionale si è fatta davvero critica. Stati Uniti e Cina sono sull’orlo di una guerra che potrebbe avere effetti devastanti…

Spionaggio, avventura, tecnologia: sono alcuni degli ingredienti di Scontro frontale, quindicesimo romanzo della serie dedicata a Jack Ryan che Tom Clancy ha scritto insieme Mark Greaney, autore della serie culto negli Stati Uniti The Gray Men. Un romanzo muscolare che s’inserisce nella sterminata produzione narrativa dell’inventore del genere definito “techno-thriller”, scomparso l’1 ottobre 2013, e che emerge per una serie di fattori che sono diventati marchio di fabbrica dell’autore di Baltimora: uno scenario parallelo che aderisce perfettamente alla realtà; descrizione degli ingranaggi che muovono la grande macchina della politica statunitense; personaggi ottimamente caratterizzati; tensione sempre alta; plot che si rivela un vero e proprio dedalo dal quale sembra impossibile uscire. E poi attacchi terroristici, dirottamenti, sparatorie, combattimenti aerei e navali, armi e tanta azione. Vale quindi la pena di immergersi in Scontro frontale, il penultimo libro di uno scrittore i cui romanzi hanno ispirato film e videogames (alcuni titoli: La grande fuga dell'Ottobre Rosso, Rainbow Six, Splinter Cell, Nome in codice Red Rabbit). Uno scrittore che lascia, quindi, un’enorme eredità e, a pochi mesi dalla sua scomparsa, è già leggenda.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER