Per sempre

Per sempre
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Sono gli anni Settanta, Katherine ha 18 anni e vive negli Stati Uniti. Passa un mucchio di tempo con la sua amica Erica, una tipetta tutta pepe alta appena un metro e cinquanta, che di cognome – ironia della sorte – fa Small. Katherine vive con i suoi genitori (un farmacista affascinante e sportivo e una bibliotecaria magra che non porta mai il reggiseno) e con Jamie, la sorella di 12 anni, dotata di uno straordinario talento artistico. Katherine ha un rapporto favoloso con la sua famiglia: parlano di sesso senza imbarazzo e lei è libera di portare a casa i suoi ragazzi. A una festa di Capodanno – poi rivelatasi un festino a base di fonduta – la ragazza conosce Michael: capelli biondo-rossicci, occhiali e un piccolo neo sulla guancia sinistra che Katherine muore dalla voglia di toccare. I due non si calcolano per tutta la sera, ma il mattino dopo Michael trova una scusa per rivederla. È lʼinizio di una storia, la prima vera storia in cui sia lei che lui sono innamorati veramente. E, per Katherine, è anche lʼinizio delle prime impacciate esperienze sessuali. Poi cʼè Artie, lʼamico di Michael, ancora incerto sulla propria identità sessuale. E infine cʼè il college, lontano ma non troppo, che incombe come una minaccia sulla storia di Katherine e Michael...

Quando nel 1975 Per sempre apparve sugli scaffali delle librerie, parlare apertamente di certi temi – ad esempio il sesso e lʼomosessualità – non era così ovvio come lo è oggi. Per questo il romanzo incappò spesse volte nella censura e nelle critiche più aspre. Ma nonostante ciò continua a vendere copie a palate, perché Katherine è unʼadolescente degli anni Settanta, sì, ma le sue paure e i suoi interessi sono identici a quelli dei suoi coetanei millennials. Certo, le differenze ci sono: Katherine non ha lo smartphone né il computer e per telefonare al suo ragazzo usa il fisso in camera dei genitori, però niente, per chi legge, sembra strano o antiquato. Anzi. La scrittura di Judy Blume è piana, senza fronzoli: lʼautrice arriva dritta al cuore delle parole con una forza e una semplicità davvero esemplari. Con i suoi romanzi Judie Blume, classe 1938, di argomenti “scottanti” ne ha toccati parecchi: masturbazione, divorzio, razzismo. Temi che allora che sono attuali ancora oggi, allʼepoca di YouTube e di Whatsapp. Perché, anche se ormai non sono più un tabù, di certe cose – chissà come mai – si fa sempre fatica a parlare.



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER