Storia dell’Amore

Storia dell’Amore
L’amore. Il più umano dei sentimenti, dalle mille sfaccettature. L’amore filiale, quello per la patria, l’amore come amicizia, l’amore come pulsione sessuale. Solo l’italiano utilizza un unico termine per definire un concetto così esteso, con una storia articolata, punto focale di filosofie e religioni. Già i Greci avevano individuato un termine per ogni declinazione e intensità: eros (l’amore sessuale), anteros (l’amore corrisposto), photos (l’amore idealizzato), philia (l’amicizia), agape (l’amore disinteressato). Un assunto culturale che ha mosso miti, storia, letteratura, politica, biologia. Le più grandi menti della storia umana - ciascuna dal suo punto di vista e con specifiche competenze - hanno tentato di “ingabbiare” l’amore in argomentazioni e tesi, qualcuno cercando di interpretarlo come fenomeno scientifico, chimico, altri legandolo imprescindibilmente a dettami e “leggi” divine. Per qualcuno è diventato una “scusa” o una giustificazione a lotte di classe e a vere e proprie guerre, per altri ha significato fonte di ispirazione per supremi capolavori di letteratura e filosofia. Punti di vista accumunati da una sola certezza: nessuno sarà mai in grado di esprimere con chiarezza e completezza qualcosa che ci appartiene come uomini, quello stesso qualcosa capace di farci soffrire in modo incommensurabile e gioire senza apparente motivazione...
Quando ha iniziato a scrivere il suo saggio Storia dell’Amore, Patrizia Zani probabilmente sapeva bene di imbattersi in uno dei temi più discussi dalla letteratura di qualsiasi genere. Il suo modo di parlare dell’amore, però, sin dalle prime righe, rappresenta una novità all’interno di un panorama editoriale che il più delle volte lo ha trattato come filo conduttore di vicende o ambiti più o meno rosa. La Zani, invece, preferisce dare delle radici all’amore e lo fa diventare un personaggio, IL personaggio. Un piacevole viaggio attraverso teorie biologiche e affermazioni filosofiche. Un percorso che, si spera, possa aiutarci a viverlo meglio, per costruire relazioni positive e amplificarne gli effetti benefici. Perché (frase fatta, ma vera) è proprio l’amore, inteso in senso assoluto, il motore del mondo.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER