Sul mare e sulla terra

Sul mare e sulla terra

Dopo che Allah gli si è rivelato e gli ha consegnato il libro sacro del Corano, Maometto inizia la sua predicazione che nel giro di qualche anno lo porterà a unificare, in nome di una nuova fede monoteista, la penisola arabica, tradizionale terra di divisioni etniche, nomadismo e razzie. Sotto la spinta propulsiva della “guerra santa” prende avvio in modo travolgente l’espansionismo musulmano. Mentre gli imperi bizantino e persiano tremano, cadono prima Siria e Iraq, poi l’Egitto e l’Africa nord occidentale. Il Mediterraneo si trasforma in un mare islamico preoccupando fortemente il mondo cristiano, che più volte tenta la riscossa ma con risultati alterni: se la Reconquista spagnola e la battaglia di Lepanto vanno a buon fine, le crociate al contrario si rivelano fallimentari. E i musulmani rimangono per l’Europa una minaccia costante…

Sul mare e sulla terra, come sottolinea Antonio Cassinelli nella sua Prefazione, non ha la pretesa di voler essere un saggio, bensì “una narrazione di fatti realmente accaduti”. La storia delle relazioni tra cattolicesimo e islamismo è ripercorsa attraverso avvenimenti noti, come le conquiste del “Profeta” e dei suoi successori o le crociate, e altri meno conosciuti però altrettanto importanti, ad esempio le vicende della Reggenza di Tripoli e del principe Jusuf. A corredo della rievocazione storica sono, inoltre, descritti aspetti fondamentali della vita mediterranea: le caratteristiche tecniche delle navi militari e commerciali, il sistema schiavistico, la conformazione della pirateria o degli ordini religiosi cavallereschi. Cassinelli non tratta invece dell’oggi, limitandosi nella Postfazione a qualche breve e personale considerazione su come affrontare i problemi dell’Isis e dei movimenti migratori. Sul mare e sulla terra sta a metà strada tra l’intrattenimento e la divulgazione, puntando l’attenzione molto sullo scontro tra due universi confinanti ma identitariamente diversi, poco sullo scambio culturale che ci fu – si pensi al contributo filosofico e scientifico dei pensatori arabi del medioevo – e che c’è attualmente tra queste due sponde del Mediterraneo.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER