Tacopedia ‒ L’enciclopedia del Taco

Tacopedia ‒ L’enciclopedia del Taco

“I tacos, più di ogni altro piatto, sono uno dei tratti distintivi della cultura messicana”, scrivono i due autori nella loro introduzione a quello che intendono come un “omaggio” a un mondo ricco. Non un libro di cucina, ma un progetto che ha richiesto quattro anni di ricerca. D’altronde quella del taco è una storia dalle radici profonde, e l’obiettivo principale di queste trecento pagine dal grande formato e ricche di illustrazioni e fotografie sembra esser proprio quello di renderla a chi non ne fa parte e insieme di trasmetterla a chi continua a costruirla. Una vera e propria Enciclopedia che mescola molti ingredienti e li organizza in tre parti. Una introduttiva, dal promettente titolo Acquolina in bocca, nella quale all’interessante excursus storico e ai cenni statistici si accompagnano la taco-lotteria dalla grafica più naïve che giocabile e la zoologia del taco, con istruttive spiegazioni dei tagli più usati nella preparazione della pietanza. La principale, Tacos in arrivo!, con ben diciassette tipologie di tacos messicani e relative ricette e consigli (a dire il veropoco sfruttabili, a meno di non essere Oltreoceano) su dove provarli. L’ultima, Vi presento i miei, sui “consanguinei” della cucina messicana, tanto diffusi quanto misconosciuti, o almeno confusi: enchilada, quesadilla e tlayuda. Con una tacografia per orientarsi gastronomicamente nel Paese e un’appendice su “derive” ammesse (con tamales e tortille varie), spezie e salse (eccezionale! con 36 ricette, per tacer del San Guacamole), tutto per imparare come affrontare culturalmente questo piccolo grande piatto e, in definitiva, mangiarlo: evitando di scomporsi e, “se oppone resistenza”, afferrandolo saldamente con la presa “a granchio”...

Tutto quello che avreste voluto sapere sui Tacos, ma non avete mai osato chiedere… e magari anche qualcosa che non avreste nemmeno immaginato potesse riguardarli! La parafrasi è più giocosa che altro, ma rispetta lo spirito del progetto, e probabilmente l’obiettivo degli autori di questo viaggio in una cucina che spesso pensiamo di conoscere, senza renderci conto della semplificazione cui la riduciamo. In tal senso, siamo di fronte a un testo fondamentale, nel quale tutto trasuda storia. In maniera evidente, anche se confusa. È probabilmente la denominazione di Enciclopedia a trarre in inganno, considerato che le informazioni contenute la connotano come tale, ma non la loro fruibilità. Un excursus sicuramente originale, insomma, ma difficile. Unico, in ogni caso; e godibile quasi più come testo narrativo, per quanto frammentario. Un libro perfetto come “annuario” o “da esposizione”, con al suo interno molto più di quanto l’indice lasci presagire. Purtroppo proprio la veste accattivante e leggera finisce con il deviare l’attenzione da contenuti più inediti o meno banali. Eppure, in fondo, offrendo diversi percorsi di lettura e la possibilità di disporne autonomamente, ridefinendoli a seconda dell’interessato e dell’interesse.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER