Tante piccole sedie rosse

Tante piccole sedie rosse
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

“Barbuto, un lungo cappotto scuro e i guanti bianchi, rimane sullo stretto ponticello a rimirare la corrente impetuosa, poi si guarda intorno, l’aria un po’ smarrita, la sua presenza l’unica curiosità nella monotonia di una sera invernale in un luogo gelido e sperduto che si spaccia per cittadina e di nome fa Cloonoila”. Il Dr. Vladimir Dragan è giunto dal Montenegro per portare le sue abilità là dove sono necessarie. Curiosità, malizia e qualche brivido di disappunto accolgono la sua elegante figura. Sul biglietto da visita c’è scritto “guaritore e sessuologo”, ma lui ci tiene a specificare che in fondo si tratta solo di un po’ di medicina olistica, qualche massaggio e consulenze su richiesta. Eppure l’idea che l’uomo porti scompiglio e che la parola “sesso” possa scatenare i pruriginosi istinti della comunità fa rizzare i capelli al Vescovo e a padre Damien che viene mandato avanti per sondare il terreno e persuadere il nuovo dottore a usare termini adeguati e magari levare quel “sessuologo” dai biglietti da visita. In fondo a Cloonoila vive brava gente, modesta, per bene, meglio non mandare messaggi incendiari che possano scuotere fede e coscienza. O passioni. Il Dr. Vlad, così lo chiamano, acconsente alle richieste, non intende fare una brutta impressione, non desidera creare problemi, vuole integrarsi e fare del bene, è questo il suo scopo. Trova un locale adatto a farne il proprio studio e avviare la nuova attività, ed ecco il ghiaccio si rompe e la prima cliente, forse solo per poter raccogliere abbastanza informazioni su cui spettegolare, varca la porta. Suor Bonaventure leva i vestiti e si sdraia sul lettino, pronta per il trattamento…

Una storia che procede piano, presenta i personaggi e le loro vite, le case, gli impieghi, le relazioni, fragilità e speranze all’interno di un micro cosmo sociale in equilibrio ma che offre il fianco con facilità appena arriva il cambiamento. Uomini e donne semplici, con un’esistenza ordinaria e forse per questo smaniosi di cogliere la prima opportunità che gli si presenta. Emblema di ciò è Fidelma Mcbride, bella e infelice, in cerca di amore e maternità, i suoi desideri la porteranno sull’orlo del baratro in una notte che cambierà il suo destino. Sbagliare nel valutare gli altri e sé stessi può fare perdere la strada, ma la possibilità di rinascere e correggere gli errori è in fondo concessa a ogni essere umano che voglia rimettersi in gioco: “Non conosciamo gli altri. Sono un enigma. Non possiamo conoscerli, specie quelli che ci sono più vicini, perché l’abitudine ci obnubila e la speranza ci rende ciechi alla verità.” Molti spunti attuali animano la narrazione: crisi coniugali, pregiudizio, rivalità, abuso di potere, immigrazione, razzismo, elementi di un quotidiano che tutti vivono e che possono essere superati solo se la volontà di sopravvivere è abbastanza forte. La prima parte del romanzo è ambientata in Irlanda, la seconda in Inghilterra, cambiando il contesto cambiano anche gli argomenti trattati e gli spunti. Edna O’Brien vanta una carriera letteraria di tutto rispetto che spazia dal racconto al romanzo e dal teatro alla poesia. Le figure femminili sono spesso centrali nei suoi testi. Donne che, come lei stessa ha fatto, cercano di comprendere la propria natura e il loro ruolo nel mondo, al di là degli schemi sociali e famigliari imposti. Animate dal desiderio di migliorarsi, di affrontare la vita e le sue tragedie, in contrasto con le aspettative altrui, mai prive del combustibile che tiene in moto ogni singola esistenza: la speranza. “Cos’è che dà pace. Cos’è che dà certezze. A L’Aia ho chiesto all’interprete di chiederlo alle madri di Srebrenica e loro hanno ascoltato attentamente, poi una ha parlato: «Un osso», ha detto. Trovare un pezzetto piccolissimo delle ossa dei suoi figli o, meglio ancora, trovare le ossa di tutti e tre i suoi figli. Gli occhi traboccavano di speranza e di dolore”.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER