Translalie

Translalie
Dopo essere stato esposto al contagio dei gas metallici presenti nell’aria malsana, Abel è diventato un pericolo per Astoria e per il loro piccolo Gio. La donna è stata costretta ad allontanare il marito a causa di forti comportamenti aggressivi. Quanto avrebbe voluto, Astoria, portare loro figlio sul prato di plastica dietro casa e raccontargli la storia di quel mondo lontano in cui l’erba era verde e le finestre potevano rimanere aperte… Il ragazzo era ferito e disperato. Nessuno aveva risposto alle sue richieste di aiuto finché un vecchio era accorso ad aiutarlo. L’aveva portato a casa sua e l’aveva curato. Lo stupore del giovane è alle stelle. Chi vive al giorno d’oggi senza luce, telefono o altre comodità? Passano i giorni, fuori piove ed il giovane è costretto a letto per la ferita alla gamba. Il suo ospite sembra silenzioso e taciturno finché, inaspettatamente, inizia a leggere un libro a voce alta… La gita a Firenze era sempre stata rimandata, ma suo padre le aveva raccontato mille volte del suo primo grande amore. Finalmente il giorno dell’appuntamento era arrivato e la giovane Lucrezia li aspettava agli Uffizi…
Translalie è una raccolta. Non di vere e proprie storie, piuttosto di pensieri relativi agli aspetti della vita quotidiana che spesso non notiamo, a partire dal foglio di carta gettato in un angolo fino ad arrivare al ricordo d’infanzia apparentemente dimenticato. Questo piccolo, piccolissimo, volume vorrebbe far riflettere il lettore sulle gioie della vita e sul piacere di soffermarsi a guardare fino a vedere veramente il mondo che ci circonda. Il problema principale è che risulta molto difficile entrare nella narrazione quando gli episodi presentati sono strettamente personali e per di più raccontati in poche pagine o, peggio, in poche righe. Anche il linguaggio non è semplice (sin dal titolo un po’ pretenzioso), oltre al fatto che i diversi frammenti iniziano senza spiegare di chi o cosa si stia effettivamente parlando. Profondo o azzardato, emozionante o noioso, corto o lungo? In effetti potrebbe essere vera ognuna di queste cose, o nessuna. È sicuramente intenso Translalie, ma riservato solo ad un pubblico attento e curioso, interessato alle novità e disposto a mettersi in gioco e faticare.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER