Tu non tacere

Tu non tacere

Lorenzo Vivian frequenta Medicina. Il fratellino Alvise vorrebbe che facesse il camionista o il milionario, Laura, sua sorella, lo vede più come chirurgo estetico, mentre la mamma spera semplicemente che trovi un lavoro che lo appassioni. La mamma ha un negozio di prodotti biologici e obbliga tutta la famiglia a utilizzare la pappa reale ai cambi di stagione: diventa doppia razione nei momenti di maggiore impegno psicofisico. La mamma è del segno dell'Aquario, come il babbo, che si chiamava Paolo e un mese fa - quando il suo tempo si è fermato - aveva cinquantadue anni. Il prof di Scienze interroga sul corpo umano. Ogni volta si stupisce che i ragazzi sappiano così poco e poco siano interessati al suo funzionamento, tanto che l'anno passato ha perfino scritto al Ministro per sottolineare l'importanza e la necessità dell’insegnamento dell’anatomia umana e si è inventato un concorso chiedendo agli allievi di creare uno slogan che riassumesse il lavoro svolto. Sono saltati fuori: “Se ti conosci ti ami” e “Chi si ama si segue”...

Fulvio Ervas è un professore di scienze e gli piace esserlo. Ma ogni tanto scrive libri, belli come questo. I temi che tratta sono quelli che di solito vengono definiti forti, pesanti, ma Ervas utilizza un linguaggio per niente retorico, con repentine virate del punto di vista, con frasi brevi che schioccano come un colpo di frusta e aprono il cuore alla semplice verità dei sentimenti. Non è necessario che racconti tutto dei personaggi, spesso quando mette un punto in realtà apre una voragine nell'immaginazione del lettore. Il romanzo parte da una storia vera capitata a un suo allievo e si conclude con un episodio accaduto proprio all'autore mentre terminava la stesura del libro. Fulvio Ervas riesce benissimo a raccontare la rabbia e l'impotenza dei parenti davanti a un errore medico, i tormenti del giovane Lorenzo spinto dai grandi ideali e dalla predilezione della verità, dal desiderio di rispetto per il padre, che aveva diritto di essere assistito al meglio. Lorenzo, che rappresenta tutti i giovani che "hanno imprinting d'amore e potenzialità da sviluppare".



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER