Tutti gli uomini del re

Tutti gli uomini del re
Anni Trenta, profondo sud degli Stati Uniti. Acclamato come un eroe dagli abitanti del suo piccolo villaggio, Willie Talos, umile contadino divenuto quasi per caso governatore, si cala tra la folla dimostrandosi perfettamente in grado di saper gestire l’enorme potere che s’è guadagnato. Ad accompagnarlo, oltre alla moglie, al figlio e all’autista, c’è il giornalista Jack Burden che racconta in presa diretta tutto quello che avviene. Il successo di Talos è dovuto a una serie di leggi volte a migliorare le condizioni delle persone più disagiate, tuttavia – come accade sempre quando ci si immerge nel torbido mondo della politica – si scopre ben presto il carattere ambiguo del governatore. Burden, l’uomo fidato che tutto vede e tutto sa, ricostruisce passato e presente del Boss, mostrandoci la sua ambizione smisurata, il populismo che sconfina nella demagogia, le astuzie, gli inganni, la corruzione sistematica...
Considerato uno dei primi romanzi “politici” americani, torna ora in libreria, con una nuova e brillante traduzione, uno dei classici della letteratura d’oltre oceano. Ispirato alla storia vera del governatore della Louisiana Huey Long, che arrivò al potere promulgando una serie di leggi apparentemente progressiste, per poi rivelarsi un politico autoritario e corrotto, Tutti gli uomini del re ha acquistato col tempo il valore universale di quelle opere che si adattano a ogni tempo. La scrittura superba, nitida, ricca di dettagli di Warren, ci restituisce l’affresco di un epoca che diventa metafora anche della nostra contemporaneità , caratterizzata dalla disillusione, dal dissolvimento di ogni timore etico e dalla morte dell’ideologia. “Stammi a sentire, un uomo non combinerà mai niente se si preoccupa della propria dignità”, sentenzia Willie Talos, e sembra quasi una frase uscita dalle tante intercettazioni telefoniche a cui i nostri spregiudicati politici ci hanno abituato. A settant’anni dalla sua uscita, era necessario rimettere in circolazione con una nuova veste editoriale questo poderoso romanzo, dal quale sono stati tratti anche ben due film: uno nel 1949 e uno più recente nel 2006 con Sean Penn, Jude Law e Kate Winslet.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER