Tutti i tipi di germogli

Tutti i tipi di germogli

I germogli fanno parte di quella che in genere viene definita alimentazione viva, basata sul principio del crudivorismo, e il loro uso risale addirittura agli Esseni, una setta ebrea dei tempi biblici che se ne nutriva, ricavandone una grande longevità. L’uso dei germogli è cresciuto a dismisura durante il Novecento, a tal punto da diventare una vera e propria scelta alimentare che porta diversi benefici: pelle radiosa, sguardo limpido, chioma lucente, equilibrio intestinale, minor stanchezza, eliminazione dei grassi superflui e delle tossine accumulate con il consumo dei prodotti dell’industria alimentare. La germogliazione, il processo mediante cui un seme dà vita ad una pianta, può portare all’uomo diversi benefici poiché sono molti i germogli ricchi di vitamine, proteine, enzimi, sali minerali che si possono usare all’interno di un’alimentazione priva di animali e derivati: amaranto, avena, frumento, mais, migli, orzo, quinoa, riso, lenticchie, piselli, ceci sesamo, girasole, zucca, cumino, coriandolo, chia, aglio, cipolla e porro. In pratica, è possibile consumare sotto forma di germogli tutti i tipi di semi, proteggendo l’uomo dall’intossicazione legata all’uso eccessivo di prodotti chimici in ogni fase della sua alimentazione…

La crescita della popolazione legata a doppio filo ad una minore disponibilità di risorse alimentari; l’aumento della fruizione di notizie e informazioni con l’avvento del web; una maggiore consapevolezza (non da parte di tutti) nei confronti dei problemi etici e alimentari: sono solo alcuni dei motivi che dagli inizi del nuovo millennio hanno spinto l’uomo a interrogarsi sul proprio modo di nutrirsi, sullo sfruttamento intensivo delle risorse e degli altri esseri viventi del pianeta, sull’impatto che il suo modo di agire ha sugli equilibri dell’ecosistema. Così, col passare del tempo, si è cominciato a pensare a metodi alternativi, che si basano sulla totale o parziale privazione di prodotti di origine animale e che possano rappresentare la soluzione al problema delle malattie legate all’uso dei prodotti chimici nell’industria alimentare. E tra gli alimenti di origine naturale, un ruolo di vitale importanza è senz’altro svolto dai germogli, al quale Belda Sisso dedica questo utilissimo manuale, che illustra il modo in cui utilizzarli, le tecniche per far germogliare i semi e le ricette per nutrirsene. Partendo dall’analisi storica dell’uso della germogliazione, l’autrice spiega i metodi di coltivazione e i valori nutrizionali, concludendo con una serie di ricette utili ad usare i germogli in ogni tipo di piatto. Perché, come afferma la naturopata Geneviève Dormoy, autrice della prefazione di Tutti i tipi di germogli, “oggi si impone un ritorno alla natura, alla salute e alla protezione dell’ambiente”. E la soluzione proposta da Belda Sisso può rappresentare un buon punto di partenza.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER