Un giorno di gloria per Miss Pettigrew

Un giorno di gloria per Miss Pettigrew
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Miss Pettigrew è una signora di mezza età dall’aria dimessa, i vestiti logori, i capelli raccolti. Tutte le mattine si reca all’ufficio di collocamento in cerca di un impiego come istitutrice. Ma ogni giorno che passa nutre sempre meno speranze: il lavoro scarseggia e lei teme di finire all’ospizio dei poveri. A sorpresa l’impiegata le porge l’indirizzo di una certa Miss LaFosse che abita in uno dei quartieri più lussuosi di Londra. Miss Pettigrew raggiunge l’appartamento e non può che sentirsi in difficoltà in un ambiente così signorile; sale con timore le scale e suona il campanello. Nessuna risposta nonostante sia in perfetto orario. Le buone maniere la farebbero desistere dal provare nuovamente, ma quel lavoro rappresenta la sua ultima occasione per non finire al ricovero, così insiste. Dopo alcuni minuti le si para di fronte una giovane donna bionda dai grandi occhi azzurri avvolta in una raffinata vestaglia e per Miss Pettigrew, amante delle eroine cinematografiche, è un’autentica visione. Miss LaFosse la fa entrare per poi sparire in camera da letto: da qui pochi minuti dopo esce un uomo molto affascinate con una colorata veste da camera. Questo è solo l’inizio di una giornata incredibile destinata a cambiare il destino di molte persone...
Un giorno di gloria per Miss Pettigrew è un’esilarante e deliziosa commedia inglese, scritta con garbo e delicatezza, a giusta ragione il Guardian l’ha definita un capolavoro di sofisticato umorismo e non sorprende che al momento della sua prima pubblicazione nel 1938 divenne subito un bestseller. Quello che stupisce semmai è la lunga pausa durante la quale i lettori di tutto il mondo sono stati privati di una storia così godibile, intrisa di ottimismo, buonumore, popolata da personaggi destinati ad essere ricordati: solo nel 2000 la casa editrice inglese Persephone ha fortunatamente regalato a questo piccolo gioiello ad una meritatissima seconda primavera. Otto anni dopo tocca a noi.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER