Un giorno uno sconosciuto mi diede una chiave

Un giorno uno sconosciuto mi diede una chiave
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Leah è una donna americana sulla trentina e lavora nella redazione di una rivista locale in qualità di correttrice di bozze; la crisi - e le poco ortodosse strategie interne al giornale - hanno colpito anche  il suo settore, e la donna si ritrova così nell'infernale girone dei precari con la prospettiva di essere presto disoccupata.  Leah ha anche un altro grande cruccio esistenziale: le manca suo padre; non aveva in realtà un buon rapporto col genitore, ma più passano gli anni dalla sua scomparsa, più la donna sente crescere dentro di sé un vuoto incolmabile.  Una mattina come tante si sveglia e, senza motivazione apparente ma spinta da un forte impulso, si reca alla Grand Central Station. Qui, al “solito binario”, una persona le va incontro, le mette una chiave tra le mani e scappa. Leah saprebbe riconoscere il volto di quella persona, se solo riuscisse a incontrarla di nuovo; così, mette un annuncio su un forum on-line. Ottiene una prima risposta e subito incontra Gordon, scrittore affascinante, in crisi col lavoro e desideroso di restare anonimo. Saranno tanti gli incontri con persone col suo stesso “dono”, tutte residenti nella sua stessa città;  il più importante, infine,  quello con  Muhammad Yunus, premio Nobel per la pace, che le darà la vera chiave di Volta e sarà capace non solo di stimolare la sua creatività, ma anche di far risvegliare l'assopita, vera aspirazione di Leah…
Abbiamo tra le mani il primo romanzo di Alethea Black, già autrice di  short stories e vincitrice di numerosi premi. Il tono della narrazione – dopo un inizio promettente - scade decisamente dopo l'incontro di Leah (di per sé personaggio comunque interessante) con Gordon, risale brevemente con Yunus e infine decade inesorabilmente, non stimolando il lettore né ad una lettura entre lineas, né ad una personale introspezione. L'enigma proposto dal titolo, abbastanza convincente e invogliante all'acquisto, non viene risolto, e il lettore inevitabilmente resta a bocca asciutta. Alla fine del romanzo breve non resta che chiedersi il perché di tutto questo. Alethea Black è, pare, molto conosciuta e stimata negli Usa per i suoi racconti; nonostante lo stile gradevole e il linguaggio giovane, questo libro sancisce il fatto che con i romanzi invece non ci siamo ancora.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER