Una signora perduta

Una signora perduta
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
In una piccola cittadina del Nebraska, ai margini della linea ferroviaria Burlington, vivono i Forrester. Lui è uno stimato direttore di banca di mezza età, lei una splendida venticinquenne raffinata e sensibile. La loro bella casa è frequentata da avvocati, industriali, scrittori, insomma da tutta la buona borghesia di provincia, che apprezza i manicaretti e il fascino della padrona di casa. Ma quando il capitano Forrester cade in rovina per aver coperto di tasca sua un dissesto finanziario della banca che il suo onore non gli permetteva di far scontare ai correntisti, la vita nella dimora diventa più cupa e triste, e anche la condotta della signora Forrester dà adito a più di qualche dubbio...
Pubblicato nel 1923, questo delizioso romanzo denuncia con lo stile inimitabile dei grandi affreschi in costume i guasti della civiltà moderna sorta sulle ceneri dello spirito di frontiera che aveva animato i pionieri del West. La figura di Marian Forrester, nelle intenzioni dell'autrice, simboleggia l'America che avrebbe potuto essere, un Eden corrotto e guastato: "Il vecchio West è stato costruito da sognatori, avventurieri forti in attacco ma deboli in difesa, capaci di conquistare ma non di mantenere. Ora tutto il territorio che hanno faticosamente fatto loro è in mano a sfruttatori e lacchè che non hanno conquistato niente né rischiato niente", scrisse all'epoca Willa Cather.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER