Waterfall

Waterfall

Per secoli i Guardiani del Seme hanno protetto il pianeta dalle giovani portatrici di Lacrimaria, una maledizione che permette di svegliare il Mondo di Atlantide ed il suo malvagio sovrano allo sgorgare della terza lacrima. Per questo Eureka non piange mai. Per questo i Guardiani hanno da sempre ucciso tutte le portatrici. Ma qualcosa è andato storto: Ander si è innamorato di Eureka e ha cercato di salvarla, portando scompiglio nell’ordine naturale. Fino a quando la giovane e disperata Eureka è scoppiata in un pianto furioso, liberando due delle tre lacrime fatali e scatenando una tremenda devastazione che ha provocato milioni di morti. Per colpa sua, Atlantide sta risorgendo ed i suoi abitanti possono tornare in vita. L’unica cosa che Eureka può fare per salvare il mondo è partire alla ricerca del saggio Solon, un Guardiano ribelle che può insegnarle a combattere contro il perfido sovrano Atlante. Non sarà un viaggio facile e il senso di colpa di Eureka non fa che aggravare il suo carico di preoccupazioni. Non ultima, la scoperta che l’essere contro cui deve combattere è riuscito ad impossessarsi del corpo del suo amico Brooks…

Waterfall è il secondo volume della Teardrop saga di Lauren Kate. L’autrice americana, già premiata per la saga Fallen (che tra l’altro presto diventerà un film), ci accompagna in un mondo parallelo ricco di magia e mistero, in cui i miti di Atlantide si mescolano con un’originale trama urban fantasy. Il problema di questo libro è però rappresentato dai protagonisti, proprio uno dei pregi del primo romanzo. Ander non è più il Guardiano senza macchia e senza paura che sfida il fato per la sua amata, ma è ridotto ad un automa senza grande spessore. Dall’altra parte c’è invece Eureka. La prescelta che nel primo libro sembrava in grado di spianare le montagne con la sua determinazione si rivela invece per quello che è: una ragazzina lagnosa che affronta il suo terribile destino a colpi di “non riesco” e “non posso”. A questo punto la domanda è di rito: sono stati sovrastimati nel primo libro o sottostimati nel secondo? Per fortuna l’infelice scelta caratteriale dei personaggi non turba più di tanto l’armonia del romanzo e lascia comunque numerosi ed interessanti spiragli aperti per il terzo (ed ultimo?) romanzo della saga.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER