Ritorna a Villacidro l'immancabile appuntamento di inizio autunno con il premio letterario "Giuseppe Dessì", promosso dalla Fondazione intitolata allo scrittore sardo e dal Comune di Villacidro, con il patrocinio dell'Assessorato Regionale della Pubblica Istruzione, della Fondazione di Sardegna, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del GAL Linas Campidano.
 
Giunto alla sua trentacinquesima edizione, il premio Dessì terrà banco nella cittadina del Sud Sardegna da lunedì 21 a domenica 27 settembre. Serata clou sabato 26 con la cerimonia di proclamazione e premiazione dei vincitori delle due sezioni – Narrativa e Poesia – in cui si articola il concorso letterario, e con la consegna del Premio Speciale della Giuria e del Premio Speciale della Fondazione di Sardegna.
 
Come da tradizione, un'intensa settimana di appuntamenti culturali anche quest'anno fa da cornice al premio con presentazioni di libri, concerti, spettacoli, mostre e iniziative di turismo culturale alla scoperta dei luoghi dove Giuseppe Dessì (Cagliari 1909 – Roma 1977) aveva le sue radici. Tra gli ospiti, gli attori Arturo Brachetti, Neri Marcorè e Amanda Sandrelli, il cantautore Pacifico, il medico e psicoterapeuta Alberto Pellai.
 
 "Sarà un'edizione del Premio Dessì speciale, coraggiosa, ancora più significativa e potente quella che si appresta ad andare in scena a Villacidro", afferma il presidente della Fondazione "Giuseppe Dessì" Paolo Lusci: "Un'edizione che ci ha visto al lavoro con modalità diverse, tra mille imprevisti, con un pizzico di preoccupazione ma anche tanto entusiasmo. Chi ama i libri, e non solo, trova una valida alternativa, non smette di leggere, di pensare, di scrivere, di parlare e incontrarsi. Anche a distanza. I libri sono il più potente antivirus contro il Covid. Premiare i libri e i loro autori, oggi, è il più importante segnale di ripresa e di fiducia che il Premio Dessì vuole trasmettere".