Intervista a Lizzie Doron

Articolo di: 

Il suo stile è lieve e profondo, di quelli che toccano il cuore con la semplicità della vita vissuta. I suoi personaggi sono parrucchieri, macellai, casalinghe, estetiste: gente comune segnata da un passato indicibile, l’Olocausto. Sullo sfondo Israele, il conflitto con i palestinesi, la ricerca della felicità in un paese lacerato dall’interno. Lizze Doron, nata a Tel Aviv nel 1953, con i suoi romanzi ha portato nel mondo la storia non solo della sua famiglia ma di un’intera generazione di israeliani. Vincitrice di numerosi riconoscimenti – in Italia,  il premio Adei-Wizo e il premio Francesca Alziator –  Lizzie ha un'urgenza narrativa che nasce dal profondo: dare voce alle storie non raccontate, come quella di sua madre, Helena, che è morta senza averle mai rivelato la terribile esperienza della guerra e del lager.

Leggi tutto