Maremè

Maremè
Contemplare mare e cielo dalla riva, misurando le distanze per imparare a guardare. Scendere sotto il pelo dell’acqua tra pesci, meduse e stelle marine. Attraversare la notte che confonde a bordo di un esile naviglio, verso l’approdo sicuro di un’isola in mezzo al mare…
“Il cielo è così grande, il mare è tanto mare / E io son così piccolo, posso solo guardare”. L’immersione nel paesaggio marino comincia con questi versi. Una riproposizione sub specie bambino del tema della piccolezza umana di fronte alla vastità e alla magnificenza della Natura. Poi parole e immagini si spingono oltre il limite di questa sproporzione e descrivono un viaggio di conquista dell’identità attraverso la fusione e la perdita di sé nell’elemento-madre (il mare). Sirene, bambini-pesce, pesci-bambino, presenze evanescenti sulla frontiera sempre più sfumata tra due mondi, segnano le tappe di una consapevolezza che cresce e si fortifica con il trascorrere della vita-giornata. I versi distillano metafore alternate in cui mare e “me” si confondono e sovrappongono (“Chi vola batte le ali, chi guarda batte le ciglia / il mare batte le onde e tutto ci assomiglia”). E poi viene la notte… Nella notte tutto si confonde e torna indifferenziato, inquietante. Il chiarore del nuovo mattino però ridona i contorni alle cose, “mare” e “me” si separano di nuovo: l’identità ha infine trovato il suo centro, “con i piedi per terra, e mare tutto intorno”. Le rime intensamente evocative di Bruno Tognolini e gli acquarelli boreali di Antonella Abbatiello riescono in poche pagine a raccontare con levità una storia di crescita e di conquista dell’identità personale che unisce grandi e bambini attraverso la metafora universale del mare. Forse il trucco è nella gestazione sui generis di Maremè. Le illustrazioni della Abbatiello precedono cronologicamente i testi che Tognolini ha scritto apposta per accompagnarle (insomma per una volta la poesia è ancella del disegno). I due autori, soddisfatti del risultato di questa inversione dei ruoli, hanno deciso di ripeterla per un nuovo libro. Non resta che aspettare…

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER