Alfabeti

Alfabeti
Un viaggio analitico, di eterno itinerante annotare, attorno all’universo dei libri. Insostituibili, fedeli e preziosi compagni di un’avventura, che dalle prime e fondanti letture adolescenziali risale, lungo gli anni, fino alla grande letteratura. Quella che cerca di stemperare gli ardori della più sfrenata immaginazione giovanile, nella profonda introspezione e nell’articolata riflessione della maturità. Libri che hanno lasciato un segno attraverso le loro storie immortali, che hanno accompagnato le vicende umane lungo un intero tragitto esistenziale. Dimostrando, una volta di più, che lo scrittore prima di diventare tale è un lettore, e tale resterà anche in seguito. Un percorso iniziato tra i fitti misteri delle giungle salgariane e proseguito attraverso foreste incantate da miti e fiabe di ogni paese. Per poi inseguire le avventure di eroi leggendari, in mari agitati da arrembaggi corsari e dall’insidioso richiamo delle sirene di Omero. Sopravvissuto al naufragio di Robinson Crusoe, dopo aver a lungo costeggiato luoghi capaci di accendere la forza creatrice della fantasia. Quindi mettere nuovamente il piede sulla terraferma e inoltrarsi tra selve oscure, deserti biblici, polis greche alla ricerca dei codici della civiltà umana. Incontrare personaggi che sembrano appartenere all’immaginario di ogni autore. Confrontarsi con le potenze occulte dell’inconscio; scrutare tutto ciò che s’insinua nell’animo umano e ne attraversa i pensieri, per poi forse riuscire ad aprire uno spiraglio sulla realtà…
Romanziere, autore teatrale, critico, saggista, editorialista, commentatore, lettore di orizzonte europeo, Claudio Magris è uno scrittore amato per il suo stile e il rigore dell’impegno critico, che ha contribuito a rinnovare la tradizione. Ed è anche autore d’indimenticabili ritratti di luoghi, capaci di indurre una grande fascinazione nel lettore. In questa corposa raccolta di saggi, apparsi negli ultimi anni prevalentemente sul Corriere della Sera, l’autore triestino impegna invece la sua competenza di studioso in una rivisitazione del mondo classico in funzione di quello moderno. Un percorso tra impressioni e ricordi suscitati dalla lettura, e tra approfondimenti critici relativi alla storia della letteratura. Magris entra ed esce dai libri come se stesse visitando dei musei, ne evoca le storie come un’attenta guida turistica e, senza che egli lo abbia voluto, ne raccomanda la lettura come il più coscienzioso dei precettori. Ne interroga gli autori e raccoglie le voci dei loro personaggi. Ne consulta le pagine come farebbe un marinaio alle prese con delle mappe, prima di intraprendere una navigazione. Capace di leggere come pochi la realtà letteraria, egli ci parla di un modo di visitare i libri diverso da quello frettoloso e disattento, indotto dalla nostra quotidianità, dandoci in queste pagine un saggio - se mai ce ne fosse ancora bisogno - della sua piena maturità critica. Lo testimoniano questi scritti letterari, che racchiudono in 480 pagine una preziosissima raccolta di mappe immaginarie, capaci di prendere per mano il lettore e guidarlo sui luoghi sempre persi e ritrovati dei grandi classici letterari.

Fai una donazione!

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER