Biscotti della fortuna

Biscotti della fortuna

Giacomo conosce bene gli ospedali: è un medico chirurgo, ed è abituato alla piccola folla che si assiepa sulle scomode sedute di legno delle sale d’attesa, aspettando che qualche dottore li chiami per aggiornarli sulle condizioni del parente ricoverato. Ma questa notte, per Giacomo, è diversa da tutte le altre; seduto in attesa non c’è una persona qualsiasi, c’è proprio lui… Valerio Cecconi era lo studente più brillante del Liceo Torquato Tasso di Roma. Spiccava tra tutti per ingegno e carisma, e nessuno riusciva a capire come lui potesse essere il figlio di una signora che aveva fritto baccalà per tutta la vita… Ogni anno, alla metà di agosto, imboccavano la Salaria ed entravano nella regione che aveva conosciuto, millenni prima, la dominazione dei lucumoni etruschi. Ad accoglierli c’era sempre un paese diverso, con le sue fortificazioni medievali e gli anziani a cui chiedere indicazioni… Marcello riesce ad ottenere una borsa di studio presso la fondazione Remarque a New York. Felici di poter rivivere l’atmosfera “cinematografica” della città che in passato hanno più volte visitato, Marcello e Claudia si apprestano con entusiasmo a tornare in una New York che, tuttavia, non nasconde le ferite che il disastro dell’11 settembre le ha inferto… Venezia. L’élite culturale e finanziaria italiana si ritrova su una terrazza affacciata sul Canal Grande per festeggiare l’inaugurazione della Biennale d’Arte. Tra gli invitati si aggira un uomo di gradevoli maniere e abile parlantina, che tutti sembrano conoscere, ma che nessuno è in grado di riconoscere… Un re si ritrova recluso in una prigione dorata. La sua cella è foderata di soffici cuscini; i suoi carcerieri, dei giganti barbari che sputano suoni gutturali, sono solerti e sempre pronti ad esaudire ogni suo desiderio; fuori dal castello, gli indigeni lo venerano come una divinità. Ma il re, nonostante tutti gli onori che gli sono tributati, ha ormai deciso di tentare la fuga… Olindo esce di casa con la massima cautela, per non svegliare la sua Lina. Hanno litigato ancora per Marta e per quei soldi sporchi che Olindo non vuole che si tocchino… Non tutti sanno che i biscotti della fortuna non sono una tradizione cinese, bensì una trovata commerciale americana. Bassetti lo sa da sempre, ma li ama lo stesso, visto che sono legati a una lunga tradizione di famiglia e al ristorante Muraglia di Giada della famiglia Huan…

Biscotti della fortuna è la seconda raccolta di racconti di Gabriele Pedullà, dopo Lo spagnolo senza sforzo (Einaudi, 2009) e la sua terza opera narrativa dopo il romanzo Lame (Einaudi, 2017). Pedullà descrive con acume e ironia una serie di situazioni che, spesso, rimangono sospese sul filo dell’incertezza. I suoi personaggi si muovono per il mondo – New York, Parigi, Roma, Venezia – alla ricerca di sé stessi, della propria strada e della propria vocazione. Eppure si ritrovano sempre a fare i conti con l’inaspettato, il vero protagonista di questa raccolta. A Pedullà non interessa spiegare la catena di cause che soggiace agli avvenimenti imprevisti che investono con la forza di una bufera la vita delle persone. Allo stesso modo, il racconto si interrompe prima della rivelazione finale: la moglie di Giacomo morirà? Bassetti sarà o non sarà promosso? Chi era veramente “il nostro amico”? L’interrogativo non viene sciolto e il lettore, tanto quanto il personaggio, rimane in attesa di una spiegazione che non può arrivare nemmeno retroattivamente. A queste domande, in fondo, non è necessario trovare una risposta. Il vero scopo di Pedullà è raccontare lo smarrimento di chi si ritrovare a fronteggiare l’inatteso nella quotidianità, proprio laddove si credeva che non ci fosse spazio per niente di sorprendente. Questo smarrimento costringe a ripensare al passato, ai desideri, agli sbagli, ai rimpianti di tutta la vita. L’imprevisto ci costringe a cambiare prospettiva e a rimodulare il nostro personale sistema di valori. I racconti di Pedullà, in definita, ci avvertono che dietro l’angolo è appostato l’imponderabile e che solo un radicale ripensamento delle nostre certezze può offrirci la capacità di affrontarlo.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER