Il male relativo

Il male relativo
Autore: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Tito Ghisolfi è un criminale. Prima si chiamava Gianmaria, un nome da checca, e faceva il maestro elementare. Fino a quando non è stato mandato anticipatamente in pensione come disturbato mentale a causa dei maltrattamenti fisici e morali che infliggeva ai suoi alunni. Ora si occupa di rapine in villa – attività che provoca le ire dei rumeni – strozzinaggio, spaccio e qualsiasi altra cosa che possa portargli denaro. Ma senza l’aiuto di cinesi, slavi, mafiosi o camorristi: lui e il suo socio, Renato Felzi – per tutti René, come il suo idolo Vallanzasca – sono veri e propri artigiani del crimine. È questa la vita di Tito: i suoi crimini, l’alcol, il bar del Cinese e Tatiana, per tutti la Tati, la sua donna. Una prostituta sieropositiva a buon mercato che lavora in casa. Ma tutto cambia quando l’ennesima rapina in villa – un lavoretto apparentemente semplice – si rivela una vera e propria trappola. Ora Tito e René sono ricercati dalla polizia e sembra che qualcuno li voglia far fuori…
Droga, prostituzione, malavita. Polvere e squallore. Sono l’habitat naturale in cui si muovono i personaggi de Il male relativo di Stefano Caso. Un hard-boiled durissimo che disegna uno scenario di vita desolante, in cui nessuno vince ed è difficile scoprire quella sottile linea che divide il bene del male. Tito Ghisolfi è un nostrano Max Dembo di ‘bunkeriana’ memoria che segue le proprie pulsioni e i propri istinti, anche quando ciò può voler dire mettere a rischio la sua vita. Quello di Stefano Caso è un viaggio antropologico che indaga i punti oscuri dell’uomo, sempre alla ricerca di un limite da oltrepassare, di un bisogno da appagare. Fino a quando, però, il gioco si fa scontro titanico e a ballare non c’è solo il protagonista ma il suo universo, i suoi affetti. Tutto spazzato via in nome della violenza e della vendetta. Tutto questo viene raccontato dall’autore con un linguaggio crudo e mimetico, monodirezionale e in prima persona, con uno stile rapido ed immediato che rende Il male relativo un noir da non perdere, nella maniera più assoluta.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER