Io, Parsifal

Io, Parsifal
21 Luglio 1209, Béziers. Una data che testimonia la ferocia degli eserciti crociati, del sangue versato in nome della religione cristiana, del potere temporale e secolare. Gli abitanti, considerati collaboratori dei catari, vengono massacrati selvaggiamente, nessuna pietà nemmeno per donne, vecchi e bambini, nessun rispetto per le chiese, che da improbabile riparo si trasformano in mortali trappole in fiamme. Un terrorismo gratuito, per far sì che le popolazioni del sud della Francia si arrendano senza combattere al passaggio dell’avanzata militare crociata, facilitando l’insediamento del nuovo potere. 1208, Aragona. Raimondo Ruggiero Trencavel insieme a re Pietro II si reca al monastero di San Juan de la Peña, considerato “il centro del mondo”, scrigno della reliquia più importante mai esistita, il Sacro Graal. Di fronte alla coppa divina, il re rivela al cavaliere che intende tramandargli il suo compito di guardiano, perché degno discendente della stirpe davidica. Rimasto solo davanti al calice, ancora incredulo per la notizia, Trencavel vive l’esperienza più strabiliante della sua vita: l’oggetto si trasforma in luce, e Dio gli parla, rassicurandolo sul gravoso ruolo di cui è stato investito, e regalandogli il dono del discernimento, la capacità di decidere sempre il meglio per il proprio popolo. E tra le nude pareti di roccia inizia così la grandiosa avventura di uno dei più grandi cavalieri di tutti i tempi, noto alla letteratura con il nome di Parsifal, una figura leggendaria ma al tempo stesso straordinariamente umana, che ha combattuto fino alla morte per valori come la giustizia, la lealtà, la misericordia...
Joaquin Javaloys torna con un terzo libro (anche se questo è il primo pubblicato in Italia) dedicato al mito del Sacro Calice, riconfermando la sua profonda passione e conoscenza della tradizione templare e della storia medievale. Ma lo fa con una forma del tutto inedita, trasformando le pagine nel diario del mitico cavaliere, fondendo le evidenze storiche con elementi romanzati, che a volte sconfinano nel magico e nel soprannaturale. Un esperimento complesso, lodabile, anche se non del tutto riuscito. Perché il lettore non capisce quanto ci sia di vero e quanto di costruito nella storia, quale sia la vera natura del libro: lo stile di scrittura, in prima persona, riesce nell’ambizioso intento di simulare le modalità di dialogo e trascrizione degli eventi tipica del tempo, anche a scapito della fluidità e leggerezza della lettura. Dunque verrebbe da pensare che si tratti di un resoconto storico, supportato a fondo libro da tavole cronologiche e un quadro sinottico per mettere in luce i parallelismi tra personaggi reali e figure leggendarie. Ma poi subentrano elementi di pura fantasia, e il racconto scivola nella leggenda, senza che però si comprenda appieno la linea sottile che separa il mito dalla realtà, linea visibile solo ad esperti di storia medievale, templari e crociate. La sensazione finale è che nessuna delle due potenziali categorie di pubblico ne esca totalmente soddisfatta: lo “storico” rabbrividisce alla lettura degli intarsi finzionali, il “lettore di romanzi” fatica a scorrere le pagine ricche di particolari ed elencazioni di eventi, battaglie, spostamenti, contraddistinte da uno stile estremamente sobrio, privo di accenti patemici. Va comunque reso merito a due aspetti di pregio di questo lavoro: da una parte l’aver scavato nel profondo le figure di due personaggi leggendari come Parsifal e Lohengrin, mettendo in luce la fierezza e nobiltà del loro modo di vivere, perché essere cavaliere non è un compito, ma una vocazione. Dall’altra, quella di aver evitato i toni sensazionalistici e profetici che hanno contraddistinto molte pubblicazioni sul Graal, in particolare dopo il successo planetario di Dan Brown e del suo Il Codice Da Vinci. Un libro scritto da chi ama profondamente la cavalleria e sogna, intimamente, di appartenere a questo tempo andato.

Leggi l'intervista a Joaquin Javaloys

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER