Melville - Un romanzo

Melville - Un romanzo

Herman Melville è poco più di un giovane uomo quando nel 1849 torna dall’Inghilterra, per nave ovviamente, dove ha potuto incontrare i suoi editori del vecchio continente. Melville è già un ragazzone alto più di un metro e ottanta, con settanta centimetri di braccia, quelle stesse braccia che ha messo al servizio della famiglia da quando, dopo il tracollo economico del padre, era diventato l’unico sostegno della famiglia. Ed infatti da anni si è dedicato alla scrittura, ha solcato i mari. Ma stavolta è diverso: si dice che quello sia stato il viaggio che gli abbia ispirato il suo successivo romanzo (Moby Dick, uscito nel 1851). Herman il mare ce l’ha dentro: il giorno in cui ha potuto lasciare la Lansinburgh sul fiume Hudson ed il lavoro alle dipendenze dello zio e si è ritrovato di fronte alle onde sul porto di New York, quel giorno lì con il mare enorme a ruggirgli intorno, ha capito che il suo destino non era fatto per un luogo solo, ma doveva andare alla scoperta della vita. Per rispondere al suo istinto ed al suo desiderio di essere economicamente indipendente, si imbarcò da New York, come semplice mozzo, su una nave destinata a solcare gli oceani. Per la prima volta aveva la sua vita nelle sue mani, poteva lasciare alle spalle la terra ferma e confrontarsi con l’abisso, lontano dalla frenesia della gente che accumula ricchezze o semplicemente sbarca il lunario in modo meccanico. Quel giorno comincia la sua vera vita, una ricerca mistica dell’essere umano...

Penso che Moby Dick sia una categoria dello spirito, un passaggio che segna tutti quelli che ci inciampano, perché scoprono di avere dentro un mondo immenso come quello di Herman Melville, lo “scopritore di Moby Dick”, non solo “l’autore di Moby Dick”. Da Giona a Pinocchio, fino a D’Arrigo o al più recente catalogo romanzato di Philip Hoare (Leviatano ovvero La balena, Einaudi 2013), un universo concentrato in pochi concetti. Tanto fondamentale nella nostra crescita e formazione che con il mistero mistico della balena bianca si è cimentato più volte il cinema, non solo nelle riproduzioni del romanzo (memorabile quella con Gregory Peck nei panni di Achab, del 1956) ma anche della vita dello stesso Melville, come succede in The Heart of the sea (del 2015). In questo mare si è immerso anche Jean Giono che per 6 anni, dopo averne impiegati addirittura tre (dal 1936 al 1939) per tradurre in francese il capolavoro americano, è andato alla ricerca, condivisa con l’amico Lucien Jacques, della formazione dell’idea di Moby Dick nell’uomo e nello scrittore Melville. Moby Dick è l’ossessione del mostruoso e dell’immenso che ci perseguitano, è la consapevolezza dell’infinitesimamente piccolo di fronte all’enormità della vita e del fato, è qualcosa che va oltre la fede. E così Giono racconta di come, in quegli anni di letture e ricerche, abbia visto letteralmente materializzarsi l’ombra dell’enorme balena dietro gli alberi, di come abbia visto trasformarsi in enormi onde i prati della campagna che sconfinati partivano dalla sua finestra di fronte a lui ed arrivavano fino all’orizzonte più lontano. Quelle stesse onde che hanno condotto Melville: un’esperienza spirituale che accomuna due persone diverse nel tempo e nello spazio, ma così vicine nello spirito.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER