Panini di Sicilia

Panini di Sicilia

Nelle valli siciliane è praticamente impossibile trovare piatti della tradizione che non includano, tra gli ingredienti, il pane o, per lo meno, la sua “muddìca”, la profumata mollica. Morbido o compatto, di grano duro o al latte, rotondo o di forma allungata, spolverizzato di sesamo o dalla crosta croccante e dorata, il pane è sempre presente nella cucina di Sicilia, isola che per secoli è stata il granaio di Roma. Una mafalda (il tipico panino, caratterizzato da un impasto fatto con semola di grano duro, dalla peculiarissima forma a serpentello e ricoperto di semi di sesamo, inventato, pare, nell’Ottocento, e dedicato poi, da parte di un maestro panificatore dei primi del Novecento a Mafalda di Savoia), imbottita di carne di cavallo o una semplice fetta di pane “di casa” con olio, origano, pomodorini e acciughe sono uno spettacolo per il palato e un trionfo di colori e odori. A Palermo, pane e panelle (gustose e sfiziose frittelle rotonde fatte di farina di ceci) e i “pani ca’ meusa” sono simboli della città. La “meusa”, che altro non è che la milza di vitello, viene cotta lungo le strade in grandi tegami di metallo, poi viene unita alla ricotta di pecora passata al setaccio e a una strizzata di limone e diventa la farcia per un panino da leccarsi i baffi. Lo street food siciliano attinge al vastissimo patrimonio – sia in termini di prodotti agricoli sia per la grande varietà di salumi e formaggi – dalle forti radici rurali, declinato poi in maniera diversa a seconda del territorio. Mentre nei paesi alle pendici di sua maestà l’Etna trionfano carni, funghi, pistacchi e mandorle che, combinati a seconda del gusto, vanno ad arricchire succulenti panini, in tutta l’area dello Stretto domina la cultura del pesce azzurro e del tonno. A Catania, poi, gli hamburger locali, che profumano di aglio e spezie, altro non sono che polpette di carne di cavallo cotte sulle braci di griglie di fortuna che appaiono, specie di notte, lungo l’intera via Plebiscito e diffondono nell’aria un aroma irresistibile…

Un viaggio appassionante e goloso tra sapori, odori e colori; il ritratto dell’identità gastronomica della più grande isola italiana dipinto partendo dal più semplice e allo stesso tempo più completo dei prodotti alimentari: il pane. In Sicilia il pane profuma di sole e di grano ed è protagonista indiscusso della cucina isolana; da sempre, nelle sue molteplici declinazioni, impera sulla cultura gastronomica siciliana, di terra e di mare. Il pane è l’ingrediente base dello street food siculo e, proprio partendo da questa considerazione, Elisia Menduini – antropologa e giornalista d’origine fiorentina che scrive e si occupa di cibo da oltre 15 anni ed è da sempre appassionata di pane, pizza e impasti – racconta, con estrema accuratezza, il percorso del progetto FUD, che poggia le proprie radici proprio sull’elemento principe della cultura gastronomica siciliana. Il format FUD (Bottega Sicula) apre a Catania nel 2012 con l’intento di importare il concetto di fast food americano in Trinacria, imprimendogli tuttavia una nuova identità, e proponendo innumerevoli varianti del classico panino siciliano, ciascuna di esse tradotta in chiave locale, con prodotti della tradizione. Ed è subito boom. Il libro della Menduini, arricchito dagli scatti di Alberto Blasetti, food photographer abilissimo nell’evidenziare l’armonia di colori e l’equilibrio dei panini di FUD, presenta sfiziose ricette, dai nomi e dall’aspetto internazionale, che valorizzano tuttavia i sapori forti dell’isola e si propongono appunto come alternativa gustosa e di qualità al modello americano. L’intera Sicilia gastronomica si trova all’interno delle ricette presentate, che raccontano l’impegno e la passione di chi le realizza, l’eccellenza delle materie prime utilizzate e la ricerca accurata di combinazioni originali e gustose, capaci di soddisfare anche i palati più esigenti.



0

Fai una donazione!

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER