Un destino di sfida

Un destino di sfida
1917. Pietrogrado è in fiamme per la Rivoluzione, e i bagliori della battaglia arrossano l'orizzonte. Il monastero della Vittoria, nei pressi di Kostantinovka, è stato requisito dai rivoltosi e ora ospita nelle sue fredde stanze di pietra una quarantina di prigionieri, sorvegliati da un sempre più esiguo numero di cosacchi. Il vino è stato tutto bevuto, i mobili tutti bruciati per fare caldo, il cibo è quasi esaurito e da nutrire ci sono anche i prigionieri. Per disperazione, due dei tre giovani cosacchi rimasti di guardia decidono di recarsi a Kostantinovka in cerca di viveri, lasciando di guardia solo il facente funzioni di maggiore Nikolaj Ivanevich Rozoh, che durante una visita al misterioso nobile straniero Franchot Ragoczy – imprigionato solo perché benestante – viene sopraffatto da quest'ultimo, che evade. Dopo qualche giorno di fuga nella foresta ghiacciata Ragoczy, che altri non è che il Conte di Saint-Germain, un vampiro vecchio di migliaia di anni, si rifugia nella dacia della duchessa Irina Andreevna Ohchenov, una donna spaurita alla quale i bolscevichi hanno sterminato la famiglia, e la seduce. Intanto in Francia, nella regione della Marne, strategicamente essenziale per le sorti della I Guerra Mondiale, il capitano Philippe Timbres si trova costretto a requisire l'antico castello di Monbussy per scopi militari, e per questo incontra Madelaine de Montalia, affascinante padrona del maniero, alla quale ha l'ingrato compito di intimare di trasferirsi altrove...
Il quinto romanzo della saga del Conte Saint-Germain, finora uno dei più riusciti della serie, è assolutamente paradigmatico dell'approccio di Chelsea Quinn Yarbro alla narrazione delle imprese del suo immortale vampiro: dipingere affreschi particolareggiatissimi ricchi di personaggi, sfumature, sottotrame e vicende (molte delle quali narrate sotto forma di corrispondenza) non necessariamente strettamente legate al plot principale ma in qualche modo funzionali a creare un contesto, un'atmosfera, un background plausibile. Che in questo caso è doppiamente fascinoso, trattandosi della Rivoluzione d'Ottobre e della I Guerra Mondiale e del dopoguerra europeo. A cavallo tra lo sfondo plumbeo della carneficina e quello frizzante degli anni '20 Saint-Germain vive un'avventura densa di emozioni non solo per il lettore ma anche per lui, al centro di alcune memorabili figure femminili.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER